Chi siamo
Cosa facciamo
Approfondimenti
posizioni aperteblog

Introduzione

Nel corso degli ultimi decenni, le città di tutto il mondo hanno affrontato una serie di sfide crescenti legate all'urbanizzazione, tra cui l'aumento del traffico, l'inquinamento atmosferico e la perdita di qualità della vita. Per rispondere a queste sfide, l'urbanista Carlos Moreno ha proposto il concetto della "città di 15 minuti". Questo modello, che mira a creare comunità più vivibili e sostenibili, sta guadagnando attenzione globale. In questo articolo esploreremo i principi della città di 15 minuti, i suoi benefici, le sfide della sua implementazione e alcuni esempi di città che stanno adottando questo approccio.

I principi della città di 15 minuti

Il concetto della città di 15 minuti si basa su quattro principi fondamentali:

Prossimità: tutti i servizi essenziali, inclusi lavoro, istruzione, negozi, servizi sanitari e spazi ricreativi, dovrebbero essere raggiungibili a piedi o in bicicletta in un massimo di 15 minuti dalla propria abitazione. Questo riduce la necessità di lunghi spostamenti quotidiani.

Diversità: le aree urbane dovrebbero ospitare una varietà di usi del suolo. Questa diversità supporta una gamma di attività economiche e sociali, rendendo le comunità più resilienti e dinamiche.

Inclusività: le città di 15 minuti devono garantire accesso equo ai servizi per tutte le comunità, indipendentemente dal reddito, dall'etnia o dallo stato sociale. Questo principio promuove l'uguaglianza e la coesione sociale.

Sostenibilità: ridurre l'uso dell'automobile e promuovere mezzi di trasporto più sostenibili, come camminare e andare in bicicletta, diminuisce l'impatto ambientale delle città, contribuendo a combattere il cambiamento climatico e migliorare la qualità dell'aria.

I benefici della città di 15 minuti

Adottare il modello della città di 15 minuti porta con sé una serie di benefici significativi:

Riduzione del traffico e dell'inquinamento: con meno persone che si spostano in auto, si riduce il traffico e, di conseguenza, l'inquinamento atmosferico. Questo migliora la qualità dell'aria e riduce le emissioni di gas serra.

Miglioramento della salute: camminare e andare in bicicletta sono attività fisiche che migliorano la salute cardiovascolare e mentale. Inoltre, avere accesso a spazi verdi e strutture sportive nelle vicinanze promuove uno stile di vita più attivo.

Coesione sociale: le città di 15 minuti favoriscono una maggiore interazione tra i residenti. La presenza di spazi pubblici e comunitari facilita la socializzazione e rafforza i legami di vicinato.

Resilienza economica: la diversificazione delle attività economiche locali rende le comunità più resilienti a crisi economiche. Le piccole imprese locali possono prosperare in un ambiente dove i residenti fanno la spesa e utilizzano servizi nelle vicinanze.

Qualità della vita: ridurre il tempo dedicato agli spostamenti quotidiani libera tempo per altre attività, migliorando il benessere generale dei cittadini. La disponibilità di servizi e infrastrutture a breve distanza rende la vita quotidiana più semplice e piacevole.

Smart City e città di 15 minuti: gli aspetti tecnologici

Le tecnologie smart svolgono un ruolo cruciale nel supportare il modello della città a 15 minuti, rendendo le aree urbane più efficienti, sostenibili e vivibili. Uno degli strumenti fondamentali è l'Internet of Things (IoT), che utilizza sensori per raccogliere dati in tempo reale su traffico, qualità dell'aria, consumo energetico e disponibilità dei servizi. Questi dati possono essere analizzati per ottimizzare la gestione delle risorse urbane e migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Le piattaforme digitali sono un altro elemento chiave, facilitando l'accesso ai servizi urbani. Applicazioni mobili e portali online permettono ai residenti di prenotare appuntamenti medici, trovare negozi locali, partecipare a eventi comunitari e utilizzare trasporti pubblici in modo più efficiente. La mobilità intelligente, che include sistemi di trasporto pubblico integrati e servizi di bike-sharing e car-sharing, contribuisce a ridurre la dipendenza dalle auto private, diminuendo così traffico e inquinamento.

Infine, le tecnologie di intelligenza artificiale (AI) e machine learning possono essere utilizzate per prevedere e rispondere alle esigenze della città in modo proattivo. Ad esempio, algoritmi avanzati possono ottimizzare i percorsi dei trasporti pubblici, migliorare la gestione dei rifiuti e aumentare la sicurezza urbana attraverso la sorveglianza intelligente.

Le sfide dell'implementazione

Nonostante i numerosi benefici, l'implementazione del modello della città di 15 minuti presenta diverse sfide:

Pianificazione e infrastrutture: riorganizzare le città esistenti per conformarsi al modello richiede un notevole investimento in pianificazione urbana e infrastrutture. Questo include la creazione di piste ciclabili, marciapiedi sicuri e spazi pubblici adeguati.

Equità sociale: garantire che tutti i quartieri, inclusi quelli meno abbienti, abbiano accesso equo ai servizi è fondamentale. Ciò richiede politiche che evitino la gentrificazione e promuovano l'inclusione sociale.

Cambiamento culturale: adottare il modello della città di 15 minuti richiede un cambiamento nelle abitudini e nella mentalità dei cittadini, che potrebbero essere abituati a dipendere dall'auto. Educazione e sensibilizzazione sono cruciali per il successo del modello.

Supporto politico e pubblico: il sostegno dei governi locali e nazionali, così come della popolazione, è essenziale per la realizzazione del modello. Questo può includere incentivi per l'uso di trasporti sostenibili e politiche di sviluppo urbano orientate alla sostenibilità.

Esempi di città di 15 minuti

Alcune città stanno già facendo passi concreti verso l'adozione del modello della città di 15 minuti:

Parigi, Francia: la sindaca Anne Hidalgo è una delle principali sostenitrici del modello della città a 15 minuti. Parigi sta implementando politiche per ridurre il traffico automobilistico, aumentare gli spazi verdi e migliorare l'accessibilità ai servizi essenziali. Un esempio è la creazione di "super-îlots" dove il traffico automobilistico è limitato e le strade sono riservate a pedoni e ciclisti.

Melbourne, Australia: la città ha adottato il piano "Plan Melbourne" che prevede lo sviluppo di 20 "città a 20 minuti" all'interno dell'area metropolitana. Questo piano mira a garantire che tutti i residenti possano accedere ai servizi essenziali entro un breve raggio dalla loro abitazione.

Portland, Stati Uniti: Portland è conosciuta per le sue politiche di urbanistica sostenibile e ha iniziato a incorporare elementi del modello della città a 15 minuti nel suo piano di sviluppo urbano. Questo include la promozione di quartieri pedonali e ciclabili, così come l'incentivazione delle piccole imprese locali.

La Smart City e la città comoda: il contributo di Giulia Agrosì

Nel suo libro "La Smart City e la città comoda", Giulia Agrosì approfondisce ulteriormente i concetti di smart city e di "città comoda", esplorando come le tecnologie digitali possano essere integrate nelle politiche urbane per migliorare la qualità della vita. Il concetto di "città comoda" si allinea strettamente con quello della città di 15 minuti, enfatizzando l'importanza di una pianificazione urbana centrata sui cittadini.

Agrosì discute l'uso di tecnologie smart come sensori IoT, piattaforme digitali e sistemi di mobilità intelligente per creare città più efficienti e sostenibili. Questi strumenti possono supportare il modello della città di 15 minuti rendendo i servizi urbani più accessibili e migliorando la gestione delle risorse urbane.

Il libro pone anche una forte enfasi sull'inclusività e la sostenibilità, temi chiave per le città di 15 minuti. Agrosì sottolinea l'importanza di garantire che tutti i cittadini, indipendentemente dal reddito o dallo status sociale, abbiano accesso equo ai servizi essenziali. Inoltre, promuove la creazione di spazi verdi e l'adozione di pratiche edilizie sostenibili per migliorare la qualità della vita e ridurre l'impatto ambientale.

Conclusione

Il modello della città di 15 minuti rappresenta una visione innovativa e sostenibile per il futuro delle aree urbane. Promuovendo la prossimità, la diversità, l'inclusività e la sostenibilità, questo approccio può migliorare significativamente la qualità della vita dei cittadini, ridurre l'impatto ambientale delle città e creare comunità più coese e resilienti. Tuttavia, la sua implementazione richiede una pianificazione attenta, investimenti in infrastrutture e un forte impegno politico e pubblico. Con il giusto supporto, le città a 15 minuti potrebbero diventare la norma, trasformando le nostre città in luoghi più vivibili e sostenibili.

Se vuoi approfondire il tema della città di 15 minuti o scoprire le innovazioni tecnologiche in grado di abilitare una transizione verso la Smart City, contattaci usando il form che trovi in fondo a questa pagina.

Entra in contatto con noi
logo-frontiere
LinkedinInstagramYoutubeFacebookTwitter
Privacy policy
Copyright 2024 Frontiere
FRONTIERE Srl
Sede legale in Via Oslavia, 6 - 00195 Roma, RM | C.F. e P.IVA 17464921000
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram